GIOCHIAMO IN SOCIETÁ

Ora è di grand moda anche per gli adulti stare a casa, guardare film in pantofole il sabato sera, mangiare popcorn e… Fare giochi di società con gli amici…

Non è un concetto vecchio, anzi, la nuova tendenza che ha dato anche la possibilità a tanti vecchi pilastri del genere di tornare sul mercato rivisitati  e in nuove vesti e grafiche, come celebrità.

Molti di noi lo conoscono già. La prima versione Europea ha sbancato già nel 1960, ma oggi il Gioco della Vita si presenta più moderno e “giovane” che mai.
Per chi non lo sapesse: nel gioco della vita si ripercorre un tabellone in cui si fanno scelte letteralmente “di vita”. Università? Matrimonio? Figli? E quanti imprevisti capitano nella vita che ci fanno cambiare idee/opinioni sul nostro futuro? Una nostra piccola giocatrice continuava ad avere l’imprevisto degli incidenti in auto…e da allora ha capito a cosa serve l’assicurazione della macchina!
Il gioco della vita è proprio questo. Ripercorrere una vita “parallela” lanciandosi inizialmente con un mestiere…cercando poi di arrivare alla pensione nel migliore dei modi! Ma gli imprevisti sono infiniti!

E se invece cercassimo un gioco di logica e intuizione di gruppo? Pochi dubbi a riguardo. Bestseller firmato Asmodee, Concept è un gioco da tavolo di deduzione dalle regole facilissime e dal setup immediato. Perfetto per chi cerca un gioco di società adatto a stare in compagnia, dal regolamento comprensibile in pochi minuti.
Sostanzialmente si gioca in gruppi di giocatori. Un gruppo di giocatori dovrà far indovinare una parola, un concetto o una frase (pescata da una carta) ad un altro gruppo. Per fare indovinare questa parola o frase bisognerà riporre un segnalino “primario” su una delle numerosissime figure del tabellone prncipale. Dopodichè si utilizzeranno i segnalini ”secondari” per dare indizi secondari, che aiutino ulteriorimente chi deve indovinare.

 

Bang! è un gioco ben strutturato, perfettamente in grado di regalare diverse ore di gioco, con molti “imprevisti” che possono cambiare bruscamente le sorti della partita. Lo consigliamo ad un pubblico pubblico di età superiore ai 10/12 anni, a causa delle regole di gioco che vanno un minimo capite e metabolizzate, oltre che alle dinamiche a turni, che lasciano un po’ di tempi morti, soprattutto se si è in molti. Per esperienza, abbiamo riscontrato un maggiore successo del gioco fra gli uomini piuttosto che fra le donne. Sarà l’aria Western?

 

Vincitore dello Spiele des Jahres nel 2010, (uno dei riconoscimenti più prestigiosi a livello mondiale per i giochi di società) Dixit è particolarmente adatto a chi vuole stimolare la propria creatività. Ogni giocatore avrà un proprio turno di gioco, in cui dovrà descrivere una carta a propria scelta fra quelle che ha in mano. L’abilità sta nel descrivere le illustrazioni –bellissime ed enigmatiche- della carta scelta in maniera esplicita, ma non troppo. Per esempio con una frase, o anche una sola parola. A carte rimescolate gli altri giocatori dovranno capire qual è la carta descritta dal giocatore affiancando una loro carta con un elemento in comune: il giocatore farà zero punti sia se nessun altro giocatore riconoscerà la carta (descrizione criptica), sia nel caso in cui tutti la dovessero riconoscere (descrizione esplicita). Se invece solo alcuni giocatori dovessero indovinare, loro ed il narratore faranno punti.

LA CUCARACHA: In un labirinto che rappresenta la cucina di un grande chef si trova uno scarafaggio elettronico che corre letteralmente per tutta la plancia di gioco. A turno tutti i concorrenti devono muovere le pareti della cucina cercando di indirizzare lo scarafaggio verso la propria trappola. La bellezza del gioco sta proprio nell’imprevedibilità dello scarafaggio elettronico, che non lascia tanto tempo per pensare, costringendo ad agire quasi sempre d’impulso.

LABIRINTO:

Il gioco si struttura su un tavoliere di 49 tessere più una. L’obiettivo di ogni concorrente è raggiungere degli obiettivi all’interno del labirinto (che possono essere segreti o meno, a seconda di come si preferisce). Per farsi strada e trovare la via più veloce nel labirinto si inserisce la tessera mancante, che però ogni volta andrà a sconvolgere il labirinto nonché i piani degli avversari.

E’ un gioco che permette partite sempre diverse ed in cui è necessaria una buona dose di attenzione per progettare la strategia utile a raggiungere i propri obiettivi. Lo consigliamo sicuramente ai più giovani, vista la grande velocità di preparazione e dello svolgimento del gioco. Tuttavia siamo convinti che anche i genitori non si annoieranno giocando in famiglia con questo bel titolo che ha così tanta storia alle spalle.


INSTAGRAM
KNOW US BETTER
Please Add Widget from here