READING

Sweet Mommy – intervista Chiara Maci

Sweet Mommy – intervista Chiara Maci

La mamma e food influencer più famosa d’Italia, racconta a CUP Magazine il suo rapporto con Bianca, la nuova famiglia che sta costruendo con il noto chef Filippo La Mantia e come si divide, tra un cous cous e un viaggio in aereo…

COME E’ CAMBIATA LA TUA VITA PRIVATA E PROFESSIONALE DA QUANDO C’E’ BIANCA?

Quando sono rimasta incinta, stavo decollando professionalmente e ho pensato che la mia carriera sarebbe terminata; in realtà Bianca mi ha portata fortuna, ho lavorato fino al nono mese ed ho ricominciato due settimane dopo la sua nascita.
Ero già zia ed ero innamorata di mio nipote Tommy, avevo come riferimento mia sorella, ed ero spaventata all’idea che Bianca crescesse con un solo genitore.

PORTI SPESSO BIANCA IN VIAGGIO CON TE? QUANDO NON PUOI FARLO A CHI LA AFFIDI?

Il suo primo viaggio è stato a quattro mesi per Parigi! Non avevo parenti vicini e ho deciso di fare tutto da sola. Se posso, anche oggi, la porto con me, è una bambina bravissima, sa come deve comportarsi mentre io lavoro. Quando non posso portarla con me, ho una tata che mi aiuta e che se ne prende cura benissimo.

ADESSO C’E’ FILIPPO…(La Mantia, chef ndr), COME SI è INTEGRATO TRA DI VOI?

Filippo si è integrato benissimo e lo ha fatto con assoluta calma, ha un lavoro che lo porta fuori casa tutto il giorno, per cui la sua presenza ha fatto capolino gradualmente.
Anche in questo è stata Bianca ad aiutarmi, ha iniziato a chiedere “ma Filippo è il tuo fidanzato?”, non c’è stato bisogno di spiegarle tutto quanto, è successo in modo naturale.
Sono molto affettuosi l’uno con l’altra e le vacanze in quattro – Filippo ha già una figlia più grande di Bianca che lei adora – sono belle e divertenti, alle bimbe piace giocare insieme.

COSA CUCINATE INSIEME?

Cuciniamo tante torte perché, come a tutti i bambini, a Bianca piace giocare con gli impasti e con gli ingredienti.
Ma non è una bambina che adora cucinare, le piace molto di più lavare i piatti: siamo un team perfetto!

BIANCA È SEMPRE OSCURATA NELLE TUE FOTO: TIENI MOLTO ALLA SUA PRIVACY SUI SOCIAL NETWORK?

Non mi piace esporla sui social e spesso questo mi procura delle critiche, poichè molti mi fanno notare che è assurdo fotografarla ma tagliarle la testa o oscurarle il volto.
Il punto è che per me il mondo social è un luogo in cui condividere momenti e vibrazioni positive, mi interessa fare vedere alle altre mamme, che hanno avuto un percorso simile al mio, che si può fare tutto.

COSA VI PIACE FARE INSIEME?

Facciamo sempre tutto insieme, ma una cosa divertente che lei ha inventato è la “serata tra ragazze”, ovvero una serata senza regole. Di solito mangiamo sushi, di cui lei va matta, davanti alla TV, guardando i cartoni sul divano. Il nostro rapporto, forse proprio perché impostato a due fin dall’inizio, si basa molto sulla complicità.

SE DECIDESSE DI SEGUIRE LE TUE ORME E FARE IL TUO STESSO LAVORO, LA ASSECONDERESTI?

Non credo che in futuro il mio lavoro esisterà più; se invece parliamo di ambito food, non le auguro di fare la cuoca. E’ un mondo difficile e pieno di sacrifici per una donna, compromessi con la famiglia e scelte difficili.
Spero che, qualsiasi scelta faccia, sia dettata dalla passione e che faccia ciò che desidera veramente.

VIENE A MERENDA LAST MINUTE UN AMICHETTO DI BIANCA, COSA CUCINI PER NON SBAGLIARE?

Per la merenda dei bambini prediligo la ricotta in ciotola con frutta, marmellata, cioccolato o miele….un dessert veloce e salutare.
Da preparare insieme, invece, mi è capitato di proporre il cous cous, non avendo bisogno di cottura possono farlo con le loro manine e poi gustarselo, dentro possono mettere frutta secca, verdure e tonno.

COUS COUS CON FRITTATINA, PISELLI E SALMONE

Preparate la frittata sbattendo le uova intere in una ciotola
con un pizzico di sale, un po’ di latte ed il parmigiano.
Oleate una padella antiaderente e versatevi il composto. Cuocete la frittata per qualche minuto da ogni lato (aiutatevi con un piatto piano per girarla).
Sgranate i piselli, fate soffriggere la cipolla tritata finemente ed uniteli. Portate a cottura regolando di sale.
Versate quindi il cous cous nell’acqua calda (il doppio del peso). Coprite con un coperchio e lasciate cuocere a vapore per qualche minuto. Trasferitelo in una ciotola e sgranatelo con una forchetta aggiungendo un cucchiaio d’olio ed un pizzico di sale.
Scottate il salmone in una padella antiaderente.
di Veronica Bertacci
@chiaramaci

INSTAGRAM
KNOW US BETTER
Please Add Widget from here